Don’t let me down…ovvero…le 5 serie tv che non avrebbero MAI dovuto cancellare dopo solo una stagione!

Che gli americani ci facciano il culo a strisce (e a stelle) per quanto riguarda lo show business è noto anche a chi vive fuori dal mondo, alle clarisse e agli amish, quindi non credo di avervi sconvolto più di tanto con questa mia affermazione.
Le ragioni di questa loro superiorità sono soprattutto di natura economica. Sì, signori, non hanno idee migliori delle nostre (non sempre almeno!). Ultimamente stanno anche loro grattando il fondo del barile (vedi tutta sta sequela di spin-off/remake/reboot e compagnia danzante). Sanno solo rischiare più di noi, investire più di noi, ma soprattutto considerano l’arte, la cultura, il cinema, la tv come industrie culturali, come settori produttivi. Ebbene sì, con l’arte si mangia e loro ci mangiano anche bene!
Purtroppo, però, anche gli americani non sono infallibili e a volte prendono certe cantonate che avresti voglia di  prenderli a randellate nei denti con una mazza ferrata e sguazzare nel loro sangue urlando solo “PERCHE’?!?!?” (noi di Cineclan siamo dei pacifisti, sappiatelo!)

Quindi eccomi qui a fare un’altra Top 5, questa volta dedicata alle 5 serie tv che non avrebbero MAI dovuto cancellare dopo la 1° stagione, perché queste 5 serie tv, per motivi diversi tra loro, meritavano almeno una seconda chance, molto più di certi orrori degli orrori che vanno ancora in onda! Sarebbero state un piccolo passo per noi poveri mortali, ma un grande passo per l’umanità.
E questa volta andiamo contro le regole! Fanculo il countdown e iniziamo dalla prima posizione, perché sono 6 (SEI) anni che mi porto dentro questo male di vivere!

1) The Black Donnellys (2007)
Non vi dico neanche la trama, perché DOVETE GUARDARLA! In fin dei conti son solo 13 episodi…546 minuti, neanche 10 ore! Un weekend (anche meno se non avete delle necessità come mangiare o andare in bagno…) e passa la paura, ma dopo vi assicuro che la vostra vita sarà più bella e incazzata.
Vi do solo alcuni indizi: 4 fratelli irlandesi, Hell’s Kitchen, New York, mafia e Paul Haggis! Sì, amicici, Paul “Crush” Haggis è stato il creatore di questa serie. Paul Haggis, l’uomo che ha scritto Million Dollar Baby e Casino Royale! Certo, ha lavorato anche a Walker Texas Ranger, ma chi è senza peccato, scagli la prima pietra…era giovane e ingenuo! Mica stiamo parlando di Moccia qui! Parliamo di Paul Haggis! Darei tutti i Moccia, i Volo e compagnia bella per un solo ultimo fulgido episodio dei Donnellys!
E vogliamo parlare del cast?! Due nomi su tutti: Jonathan Tucker, che non solo ha interpretato Il giardino delle vergini suicide, ma soprattutto Sleepers, e quella gran culo di Olivia Wilde, prima di diventare la Tredici di House M.D. e la moglie di Hunt in Rush! Cioè, signori, quella donna, che a me sta simpatica, intendiamoci, ha respirato la stessa aria di Chris Hemsworth!
Se The Departed di Scorsese avesse avuto una serie tv, questa sarebbe stata The Black Donnellys. Ora, sceneggiatori e producers americani, non ciulatemi l’idea! Non vi sto dicendo di fare una serie tv ispirata a The Departed…se proprio volete, ridateci i Donnellys! E parlo con te, NBC! Hai cancellato questa meraviglia e ora trasmetti quella ciofeca di Dracula?! Ma sei scema o mangi erba?! (1000 punti simpatia a chi riconosce la citazione)
E ok, forse sono anche di parte, perché io avrei voluto essere un piccolo leprecauno irlandese (sono diversamente alta) e quando sento odore di Irlanda mi vengono gli occhietti a stelline e cuoricini (vi ricordo, la mia stagione preferita di Sons of Anarchy è la terza…chissà perché…), ma davvero The Black Donnellys è un piccolo capolavoro: per la sceneggiatura attenta, asciutta e puntuale, per la regia mai banale, per la fotografia ai limiti dell’espressionismo, per la colonna sonora senza sbavature con Dropkick Murphys, Snow Patrol, Arcade Fire. Non vi ho ancora convinti? Beh, allora sparatevi il trailer, miscredenti!
Marry me, Tommy Donnelly! ❤

2) Firefly (2002)
Altra cantonata, signori, e che cantonata! Di quelle che io già me li vedo i capoccia della Fox bestemmiare in sanscrito e fare penitenza inginocchiati sui ceci per aver cancellato un gioiellino come Firefly…e mò quando gli ricapita un western-fantascientifico scritto e prodotto da Joss Wheedon e interpretato da Nathan Fillion?! Sì, perché Nathan Fillion è stato tante cose prima di essere Castle, ma soprattutto è stato Malcom Reynolds! Quei pantaloni e quegli stivali potrebbero raccontare cose indicibili ai deboli di cuore, nonostante Nathan affermi di non entrarci più, santi numi! Joss Whedon, invece, beh, è inutile che vi dica chi è…se non lo sapete…che gli dei antichi e nuovi abbiano pietà di voi! Non vi dicono nulla Buffy The Vampire Slayer, Angel The Series e The Avengers?!
E’ vero, per dare una degna conclusione alla serie Joss Whedon ha realizzato un film, Serenity, uscito nelle sale 3 anni dopo, ma volete mettere la magra soddisfazione nell’avere un nuovo episodio alla settimana?! Film che, per la cronaca, ha vinto il sondaggio della rivista di settore SFX come miglior film di fantascienza di sempre! Ah, questa è una di quelle serie tv che NON è la stessa cosa vista in italiano. Va vista assolutamente in lingua originale! Il doppiaggio italiano l’ha massacrata, cancellando i neologismi e soprattutto gli intercalari e le citazioni cinesi.
Quindi vi aspetto a bordo della Serenity, fellows!

3) 10 cose che odio di te (2009)
E sì, gentile pubblico, noi di Cineclan guardiamo anche le comedy tardoadolescenziali per sentirci ancora un po’ giovani…almeno dentro! Tratta dall’omonimo film del 1999 e prima ancora da La Bisbetica Domata di quel gran genio di Shakespeare,  la serie è stata cancellata dopo soli 20 episodi da quei geni dell’ABC Family, dimostrando ancora una volta che spesso i capoccia dei network non ci capiscono nulla…men che meno di comedy poi! Chi di noi, in fin dei conti non vorrebbe essere la Kat della situazione alle prese con un Patrick Verona da redimere?! C’è una crocerossina in ognuna di noi, ammettiamolo! E poi alzi la mano chi di noi non ha mai ballato da sola in camera sua da ragazzina usando una spazzola come microfono! E poi prendono per il culo Twilight, quindi hanno tutto il mio amore eterno!

4) Alcatraz (2012)
A quanto pare il 13 è davvero un numero che porta sfiga! Anche Alcatraz si è fermata al 13° episodio e senza neanche dare una degna conclusione a una storyline che avrebbe potuto svilupparsi nel corso di alcune stagioni. Nata dalla mente diabolica di J.J. Abrams, che con il suo Alias mi ha rovinato la vita per poi saltarci sopra a piè pari con Lost e infierire con Revolution,  Alcatraz è la figlia naturale, nata dall’avventura di una notte, di Fringe e di un qualsiasi poliziesco. Forse andrebbe vista anche solo per la prigione di Alcatraz e per Hurley (che non è Hurley e non chiama tutti “Coso”), ma aveva una frase introduttiva che da sola valeva l’intera serie: « Il 21 marzo 1963, a causa dei crescenti costi e del degrado delle sue strutture, Alcatraz chiuse i battenti e tutti i detenuti vennero trasferiti in altri istituti di pena. Questo secondo la versione ufficiale, non fu così in realtà.»

5) Go On (2012)
Sempre NBC, sempre la stessa vecchia storia! Sono degli incompetenti senza appello! Come si fa a cancellare una comedy con protagonista Matthew Perry?! COME?! Ma che ve dice la capoccia?! Soprattutto quando il personaggio di Ryan King assomiglia così tanto a Chandler Bing!!! Non notate neanche l’assonanza tra i nomi?!
Dovete sapere che Chandler Bing è stato il primo personaggio telefilmico che avrei voluto sposare…lui e il suo terzo capezzolo…ed è stato il primo che mi ha spezzato il cuore! Chandler, torna! Questa casa aspietta a te!

1_gif

Annunci

13 risposte a “Don’t let me down…ovvero…le 5 serie tv che non avrebbero MAI dovuto cancellare dopo solo una stagione!

  1. no ma tu davvero guardavi 10 cose che odio di te? io mi ero presa male perché sono snob dentro e soprattutto amo alla follia il film e avevo paura della presunta boiata.. vuoi dire che è davvero carino invece?? mi stai dicendo questo??

    Chandler Bing è sempre stato il mio spirit animal, non che crush potentissimo che mi trascino ancora

  2. Oh, Firefly… non me lo nominate che scoppio. E’ una ferita che non si rimarginerà mai!
    Comunque mi hai convinto con The Black Donnellys: parto con la visione in 3,2,1…

    • Anche tu Firefly?!ç_ç
      Ecco,i Donnellys meritano tanto amore!
      Se solo Haggis avesse avuto me come addetto stampa a quest’ora sarebbero ancora in onda!!! *proud of myself XD*

      • Firefly è un grande ed inestinguibile amore! *corre ad abbracciare i dvd*
        E poi considera che sono da sempre una whedoniana incallita, che ci vuoi fare XD

      • E adesso che ho visto il primo episodio dei Donnellys me lo chiedo ancora di più come mai non ci siamo incrociate prima… IT WAS AWESOME! Bello bello bello veramente!
        Scappo a vedere il secondo episodio *__*

  3. Pingback: Roses from my friends…ovvero…Liebster Award again <3 | CineClan·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...