And the Golden Globe goes to…ovvero…dimenticare il girato all’autogrill porta bene!

Ho dovuto fare altro e dormire almeno un paio d’ore prima di riuscire a scrivere qualcosa, perché quella di oggi è stata una premiazione ricca di sorprese, alcune poco piacevoli, e di emozioni.
I Golden Globes sono dei premi strani a partire dalla distinzione in alcune categorie dei premi tra il genere Comedy o Musical e il Drama, ma anche perché si dedica anche alle serie tv… l’unica soddisfazione da questo punto di vista l’ho avuta solo nel 2011 con la vittoria di Katey Sagal come Miglior Attrice per Sons of Anarchy…da allora la Hollywood Foreign Press Association sembra essersi dimenticata di questo piccolo gioellino, ma non è questo di cui dobbiamo (lamentarci) parlare oggi.

1504094_204624516409660_1343824026_nTorniamo a ieri sera…La serata non inizia nel migliore dei modi, perché Michael Fassbender ha la “geniale” idea di presentarsi sul red carpet conciato così! Ora, uomo, chiariamoci…NON puoi presentarti con gli occhiali da sole, perché c’è Joaquin Phoenix! No, aspetta, Joaquin è più sobrio del solito, quindi di regola potresti, ma non puoi lo stesso per rispetto a quelle povere fangirls sparse in giro per il mondo che già devono combattere con l’insonnia!
Ecco, l’insonnia è un grande problema in queste nottate… e meno male che la cerimonia dura meno degli Oscar, altrimenti mi sarei congelata davanti al pc!
Sul red carpet ci sono praticamente tutti!, tranne il mio Christian Bale, nonostante la candidatura come miglior attore genere comedy o musical.
Dopo un’ora di red carpet, all’alba delle 2 a.m. Amy Poehler e Tina Fey salgono sul palco e danno inizio allo show, non risparmiando nessuno dei presenti in sala…Matt Damon ovvero the Garbage Man…beh, è la verità…il livello di figaggine random era talmente alto che Matt non spiccava per beltà e virtù!

Ma vediamo nello specifico i vincitori, così potrò sfogare tutta la mia rabbia repressa e la mia gioia…bipolarismo mode ON!
Una prima notazione: sembra che i giurati abbiano voluto “accontentare” un po’ tutti…nonostante American Hustle e Dallas Buyers Club tornino a casa con rispettivamente 3 e 2 statuette, ma nel complesso le scelte sono state (quasi) sempre rispettate secondo pronostico.

Miglior film drammatico: 12 Years a Slave
1512510_10152101814213559_110557778_nL’unico premio che si aggiudica l’opera terza di Steve McQueen, ma il più importante, quello che tutti ricorderanno…purtroppo qui nel 5° mondo non è ancora in sala, ma noi di Cineclan ci stiamo attrezzando! E poi sono stati tenerissimi! Tutto il cast sul palco…e Steve che ringrazia Michelino! Ma non sono troppo carini?!?!

Miglior film commedia o musicale: American Hustle
Ecco, il mio primo pronostico si è avverato e sono stata felicissima, perché il film di David O. Russell a me è piaciuto un sacco…e poi con quel cast!

Miglior regista: Alfonso Cuaron, Gravity
Il film non l’ho visto… diciamo che ero abbastanza di parte, perché avrei preferito Steve o David (sì, li chiamo per nome come fossero amici o peggio familiari!), ma date le recensioni ci sta, dai!

Miglior attore in un film drammatico: Matthew McConaughey in Dallas Buyers Club
E qui parte il primo WTF?!?!, ma solo perché sto seguendo quest’ordine, perché durante la premiazione era già partito il primo e più clamoroso…non ho visto il film e Matthew mi sta anche simpatico…staremo a vedere!

Miglior attrice in un film drammatico: Cate Blanchett, Blue Jasmine
La Cate non ha bisogno di presentazioni! Ho visto il film proprio sabato e che dire?! Chapeau! A dir la verità qualunque donna avesse vinto in questa categoria mi avrebbe resa una cinematografara felice!

Miglior attrice in un film commedia o musicale: Amy Adams, American Hustle
Bravissima, Amy! La prova non era semplice, avendo a fianco Christian e Bradley, ma soprattutto Jen che sembra fare la raccolta delle figurine!

Miglior attore in un film commedia o musicale: Leonardo Di Caprio in Wolf of Wall Street
E qui, signori, standing ovation!!!CE L’ABBIAMO FATTAAAAAAAAAA! Sì, perché questo Golden Globe è anche un po’ della comunità fangirl, perché Leo è uno di quei talenti un po’ bistrattati dai premi…non che i premi facciano la felicità, ma aiutano a vivere meglio e Leo se lo merita tutto! ❤1545982_664736026901752_235031280_n

Miglior attrice non protagonista: Jennifer Lawrence, American Hustle
E come già detto, la Jen fa la raccolta delle figurine e si porta a casa un altro premio…ma quello su cui tutti si stanno concentrando è il suo vestito che a me, sinceramente piaceva!
1389574260_462094819_jennifer-lawrence-zoom

Miglior attore non protagonista: Jared Leto, Dallas Buyers Club
E i miei peggiori timori si sono avverati! Menasfiga ha vinto, a dimostrazione che i membri della Hollywood Foreign Press Association si drogano (e pesantemente!), ma dovrebbero cambiare pusher, perché non si può scegliere l’uomo che porta sfiga quando hai tra i candidati Fassy per 12 Years a Slave, Daniel Brühl per Rush (che poi perché Daniel sia nella categoria non protagonista è uno dei misteri della vita!) e Bradley Cooper per American Hustle. Da questo momento la serata, per quanto mi riguarda, ha assunto delle tinte agrodolci.

Miglior canzone originale: “Ordinary Love” U2 (Mandela: The Long Walk to Freedom)
E vabbé con gli U2 ti piace vincere facile, ma sapevo che avrebbero vinto loro!

Miglior film in lingua non inglese: La grande bellezza di Paolo Sorrentino
C’è bisogno che aggiunga altro?! *w* L’emozione più forte è stata però vedere Nicola Giuliano lì sul palco con lui, perché Sorrentino deve tutto a quell’uomo e se la sottoscritta si è incaponita a voler far produzione cinematografica nella vita la responsabilità è tutta di Nicola Giuliano, sapevatelo!
1526384_615078998545484_1658946485_n
La leggenda vuole che anche Sorrentino abbia iniziato a lavorare nel cinema facendo produzione, ma poi ha smesso, dopo aver dimenticato il girato all’autogrill…è proprio il caso di dire “c’è speranza per tutti”!

Miglior sceneggiatura: Her di Spike Jonze
ovvero…un film che vorrei vedere con tutta l’anima e che non so se e quando arriverà in Italia, damn!

Miglior colonna sonora originale: All Is Lost …non ho visto il film, ma sappiate che a me Redford sta antipatico a priori!

Miglior film d’animazione: Frozen – il regno di ghiaccio …nessuno è voluto venire al cinema con me, ma si sa che mamma Disney tutto può!

Sul fronte serie tv, è stato l’anno di Breaking Bad c.v.d. con il premio a Bryan Cranston come miglior attore in una serie drama e quello come miglior serie tv drama. Prevedibilissimi i premi a Michael Douglas e a Dietro i candelabri come mini serie o film tv, ma il film merita davvero, anche solo per vedere Matt Damon (The Garbage Man) in slip bianchi e con capelli improponibili!

La serata è finita, gli amici se ne vanno…gli amici dei Golden Globes vanno agli after party e all’alba delle 05.30 anche noi di Cineclan siamo andati a letto…poi ci siamo svegliati e siamo stati invasi da foto al cardiopalma, tra cui Fassy e Cumberbatch che ballano…e allora ti rendi conto che i premi e le premiazioni passano, ma il vero amore è per sempre!

1505507_10201912360268099_756742326_n

Ps. Last but not least…l’HBO ha rilasciato il primo traile della 4a stagione di Game of Thrones…dalla serie “la gente non si regola quando in gioco ci sono il cuore (e gli ormoni!) del fandom”!

Annunci

12 risposte a “And the Golden Globe goes to…ovvero…dimenticare il girato all’autogrill porta bene!

  1. Ammetto di non essere una grande amante del cinema, al cinema preferisco i telefilm (ora non mi fustigare ecco :P), anche se logicamente un buon film piace anche a me ogni tanto 😉
    Però leggere di Leto che vince il Golden Globe mi ha fatto cadere le braccia a terra -.- seriamente, non sopporto più quel coso -.-

    Il trailer di GoT è spettaccolare… me vuole ora!!! XD

  2. Sarà pur vero che la versione trasandata del Fassy non è la nostra preferita ma a me l’ormone è salito alle stelle ugualmente! E non fatemi nemmeno iniziare a parlare della foto col Batch… *__*
    Per quanto riguarda i premi, lo sai già… Leto era prevedibile come vittoria ma ciò non toglie la mia delusione assoluta considerando i nominati che aveva di fianco (CATEGORIA GNOCCHI TALENTUOSI e non aggiungo altro).
    Quel che più mi ha sconvolta è stato comunque il trionfo dell’arancione McConaughey, che per inciso a me non è mai piaciuto, ai danni del super favorito Ejiofor (spero d’aver azzeccato il nome, non mi va di controllare).
    Sulle serie tv niente da dire se non che dobbiamo correre tutti a recuperare Brooklyn Nine-Nine!!! xD

    • No,no,a me il Fassy trasandato piace abbestia!!!*ç*
      Ho visto “Dallas Buyers Club” e seppur a malincuore devo ammettere che McConaughey se lo merita davvero…menasfiga forse meno,ma credo che sia il mio odio a parlare.
      Brooklyn Nine-Nine è a questo punto d’obbligo!
      Ps.Ho visto anche “12 Years a Slave” ed è un colpo al cuore enorme!

      • Oddio, io spero di riuscire a vedere tutto al più presto! Ho ancora tantissimo da recuperare per questa Awards Season… -_-
        Dallas Buyers Club a questo punto ha la priorità (nonostante le antipatie per i protagonisti). Sono davvero curiosa!

  3. Sono super contenta che abbia vinto DiCaprio, che trovo un attore fantastico e al quale hanno negato l’Oscar già troppe volte…
    Ma la cosa sconvolgente è vedere McConaughey con un premio in mano, benché non abbia ancora visto il film… magari mi ricrederò! Mah!

  4. Purtroppo – per le altre Serie Tv – finchè c’è in giro Breaking Bad, c’è poca trippa pe’ gatti, come diciamo a Roma…!
    Io questi Golden Globe li ho trovati abbastanza equi, rispetto al solito: un pochino di premio qui, un pochino di premio là, con il misurino, per non scontentare nessuno, ecco 😀
    Non ho ancora visto il nuovo film di “Steve”, spero di farlo appena esce, per il resto concordo un po’ su tutto. Dallas Buyers merita davvero e anche McConaughey, che mi è capitato di vedere solo in bei film come Mud e Killer Joe, motivo per cui non l’ho ancora disprezzato finora, anzi sembra piuttosto bravo. Certo quell’accento, e quella abbronzatura trucida, sono proprio da burino d’America, però vabbè, in ogni caso la vedo abbastanza dura per il povero Leo agli Oscar… Dallas Buyers Club è un po’ Philadelphia degli anni 201* e non so se il nuovo di Scorsese potrà ricoprire una funzione analoga insieme al suo protagonista. Mercoledì comunque vedo Wolf of Wall Street e sarò in grado di pronosticare meglio le sue chance…
    Bello poter cazzeggiare parlando di cinema così, comunque, l’ho molto gradito, it’s like feeling home 😉
    Un saluto e passa quando vuoi a “cinemare” anche dalle mie parti, sarai la benvenuta 🙂

    • Anch’io ho pensato a “Philadelphia” guardando “Dallas Buyers Club”!
      I Golden Globes sono quasi sempre molto “politicamente corretti”…un po’ per ciascuno non fa male a nessuno…
      Per quanto riguarda la coppia Scorsese-Di Caprio…io sono di parte,non riesco a non amarli,quindi aspetto il film per “giudicare”.
      Grazie per l’invito…passerò sicuramente e ricambio invitandoti qui quando vuoi! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...